domenica 18 giugno 2017

Il 25 aprile a Manerbio

Il 25 aprile 2017 è caduto il 72° anniversario della Liberazione. In Piazza Aldo Moro, a Manerbio, i cittadini convenuti hanno ricevuto il saluto di Alessandro Desplanque presidente dell’ANPI - Sez. “G. Bassani”, e del sindaco Samuele Alghisi. Il discorso di quest’ultimo ha ricordato l’appello di Sandro Pertini via Radio Libera, che chiamò all’insurrezione generale, il 25 aprile 1945. Anche il nome della piazza (“Aldo Moro”, appunto) è stato chiamato in causa come riferimento alla lotta contro qualunque forma di oppressione. 
            Erano presenti alla cerimonia gli alunni delle scuole manerbiesi. I bambini dell’istituto parrocchiale hanno distribuito i “fiori della Liberazione”: verdi, bianchi e rossi (con evidente riferimento alla bandiera italiana), volevano significare l’invito a coltivare la repubblica nata dalla Resistenza. Anche gli allievi della Scuola Media “A. Zammarchi” e dell’I.I.S. “B. Pascal” hanno preso la parola. L’intervento di un ragazzo della “A. Zammarchi” ha dato voce al “Discorso all’umanità”, tratto dal film di Charlie Chaplin “Il grande dittatore” (1940): «Più che macchinari, ci serve umanità; più che abilità, ci serve bontà e gentilezza. Senza queste qualità, la vita è violenza e tutto è perduto.»
            Anche il gruppo teatrale “Ribalta Pazza” ha proposto letture, tratte da: “Il XXV Aprile a Manerbio”, a cura di Delfino Tinelli, Manerbio 1995, DESCA Edizioni. I brani provenivano da memorie come quelle di Aurelio Tenchini, antifascista “di famiglia” che, con altri, portò aiuto ai prigionieri di guerra alleati fuggiti dai campi di concentramento.
            È arrivato poi il momento dell’alzabandiera, eseguito da un Alpino, mentre la Civica Associazione Musicale “S. Cecilia” suonava l’inno di Mameli. È stata posta una corona d’alloro sul monumento alla Resistenza.
            La seconda tappa erano le “Formelle della Memoria”, dette anche “Pietre d’inciampo”: targhe poste sul selciato del Piazzolo, a ricordare i partigiani manerbiesi e i militari italiani internati in campo di concentramento. Gli alunni delle quarte e quinte elementari hanno eseguito canti e musiche al flauto, inneggianti alla cessazione delle guerre.
            La seconda corona d’alloro della giornata è spettata al Monumento ai Caduti, davanti al municipio. Le celebrazioni si sono concluse in Piazza Italia, dove l’ANPI ha distribuito gratuitamente volumi sulla Resistenza, compreso il graphic novel realizzato dagli alunni dell’Istituto Comprensivo di Manerbio (“4 Storie di Resistenza Bresciana”, anno scolastico 2015/2016, Edizioni La Pianura) e la ristampa anastatica de “Il Ribelle” (giornale partigiano clandestino), a cura dell’Associazione “Fiamme Verdi”. Per l’occasione, era aperto il museo privato della famiglia Zenucchini, con cimeli dell’impresa garibaldina e delle due guerre mondiali.

            L’ANPI ha proseguito la giornata omaggiando la tomba dei partigiani Enrico Tedoldi, Palamede Morandi e Pietro Leoncini, caduti in località “Campagnoline”. In Viale Stazione, fino al 1 maggio, rimarrà l’installazione “Delle gioiose lacrime”, a cura di Luciano Baiguera, dell’ANPI, del Gruppo Alpini, dell’Associazione Carabinieri, delle “Donne Oltre” e di tutti coloro che hanno voluto fornire immagini della loro memoria. Perché di questo si tratta: grandi lacrime di carta (verdi, bianche e rosse), che incorniciano fotografie di volti.

Nessun commento:

Posta un commento

Si avvisano i gentili lettori che (come è ovvio) non verranno approvati commenti scurrili, offese dirette, incitazioni all'odio di qualunque tipo, messaggi che violino la privacy o ledano l'onore di terzi. Si prega di considerare questo blog come uno spazio di confronto, così come è stato fatto finora, e non come uno "sfogatoio". Ci scusiamo per eventuali ritardi nella pubblicazione dei commenti: cause (tecnologiche) di forza maggiore. Grazie.